Danni da Calamità Naturali

Negli ultimi anni in Italia, si è registrato un aumento di tragici eventi dovuti a Calamità Naturali come alluvioni, terremoti, frane, esondazioni, ghiaccio e neve. Nel nostro Paese tuttavia, sono in pochi ad aver assicurato i propri beni contro le Calamità Naturali. Molte volte lo Stato, per tramite delle proprie regioni e/o enti preposti, mette a disposizione del privato cittadino e delle aziende, dei fondi specifici per richiedere somme a risarcimento dei danni subiti, con un iter burocratico che speso si rileva difficoltoso per poter accedere ad eventuali rimborsi.

Infortunistica Italiana Franchising metterà a disposizione del danneggiato uno staff di professioni i quali valuteranno tutti gli aspetti del caso sottoposto, al fine di verificare eventuali coperture assicurative private, responsabilità di enti statali e possibilità di recupero su compagnie assicurative degli stessi, ed infine una valutazione gratuita su come richiedere i fondi qualora si sostanzi l'evento di Calamità Naturale non dovuta per responsabilità di terzo ma esclusivamente determinata da caso fortuito.


* NB: Invitiamo tutti i possibili danneggiati a contattare la Direzione Generale Italia di "Infortunistica Italiana Franchising" per informarsi se l'agenzia di zona dispone di tutti i servizi sopraelencati poiché è data facoltà alla filiale di attivarli.


News | Archivio News | Reportage


17/01/2020

Antiabbandono: multe rinviate al 6 marzo. Ma restano dubbi e criticità

Multe sospese fino al 6 marzo 2020 per chi non è provvisto di sistema antiabbandono, obbligatorio dal novembre scorso. La legge di conversione del decreto fiscale approvata definitivamente a dicembre 2019

21/10/2019

Richiesta di risarcimento danni per calamità naturali

Se la vostra abitazione, attività agricola o attività commerciale subisce dei danni a causa di una calamità naturale, è possibile richiedere un risarcimento del danno subito.

20/09/2019

Le sanzioni penali e amministrative in caso di guida in stato di ebbrezza

Nel corso degli ultimi anni notevolmente inasprite, variano a seconda del tasso alcolemico accertato. In ogni caso, tuttavia, è prevista una decurtazione di dieci punti dalla patente.