Direzione Generale Italia Direzione Centro e Sud Italia Info Franchising Menu
Sinistri auto
Malasanità
Infortuni sul lavoro
Gestione pratiche risarcimento danni
Disdrigo pratiche equitalia
Sinistri nautici
Sinistri abitazioni
Infortuni Sportivi
Insidie trabocchetto suolo pubblico
Sinistri su mezzi pubblici
Trattative sinistri su polizze infortuni
Studi legali convenzionati
Sinistri animali vaganti
Sinistri in agricoltura
Ricorsi per multe
Intossicazioni alimentari
Pulsante servizi
Archivio News > 12/07/2010 - TARIFFE RC AUTO: L'ISVAP ACCUSA

Polizze auto, così non va. A dirlo non è, come spesso accade, "Quattroruote", né lo sono le associazioni dei consumatori: l'atto di accusa questa volta arriva dall'Isvap, l'Istituto per la vigilanza sulle Compagnie, il cui presidente Giancarlo Giannini ha lanciato, nella sua relazione annuale, un vero e proprio allarme.

RC auto più caro in Italia. Un allarme sostenuto dai numeri: il premio medio dell'RC auto, sostiene l'analisi dell'Isvap, in Italia è praticamente il doppio di quelli praticati in Germania, Francia e Spagna (siamo a 407 euro contro una media di 222, 172 e 229 euro degli altri Paesi). Non solo: il tasso di crescita nel periodo 2002-2009 è stato da noi triplo (+17,9%) rispetto alla media europea (7,1%).

I pericoli della situazione. I risultati di questi aumenti sono altrettanto allarmanti: cresce considerevolmente il numero di contrassegni falsi in circolazione, ai quali ovviamente non corrispondono veicoli coperti da vere assicurazioni. Col risultato che "esplode" il numero di risarcimenti erogati dal Fondo di garanzia per le vittime della strada: dagli 11.550 del 2002 si è arrivati ai 21.000 del 2009. In ascesa è anche il fenomeno delle "compagnie fantasma", ovvero non autorizzate a esercitare, che truffano i cittadini chiedendo premi allettanti, ma senza effettuare alcun risarcimento.

Sistema sbagliato. Ci sono in atto, dunque, meccanismi perversi. Anche perché, sottolinea giustamente l'Isvap, non si può scaricare il costo di queste situazioni illegali sul prezzo delle polizze che pagano tutti. Le Assicurazioni devono organizzarsi per limitare le truffe attraverso controlli e banche dati, senza rivalersi indirettamente su tutti gli automobilisti. L'Ania, l'associazione delle imprese assicuratrici, naturalmente respinge i rilievi dell'Isvap accusando legislazione e norme distorsive del mercato: un ritornello già sentito.


Articolo tratto da www.quattroruote.it

NEWS
20/03/2018
Strada innevata risarcisce la pubblica amministrazione ?
Questo inverno ci ha riservato non poche sorprese da un punto di vista meteorologico e se ormai il cosiddetto Burian sembra passato, il ...
18/01/2018
Guida in stato d'ebrezza: facciamo un po' di chiarezza...
Il nostro bel paese è famoso nel mondo per il buon cibo e l'eccellente qualità dei vini prodotti...tuttavia se il bere bevande alcoliche ...
27/03/2017
Risarcimento danni per cause imputabili all'Amministrazione Comunale
I danni subiti, per essere risarciti dall'Amministrazione Comunale, devono essere stati provocati da cause in cui si possa ravvedere una ...
Infortunistica Italiana Sede Legale Via Mazzini 184/c Porretta Terme (Bo) - tel 051 875823 - P.IVA e C.Fisc. 02735761203 | Powered by Hotminds Srl