Direzione Generale Italia Direzione Centro e Sud Italia Info Franchising Menu
Sinistri auto
Malasanità
Infortuni sul lavoro
Gestione pratiche risarcimento danni
Disdrigo pratiche equitalia
Sinistri nautici
Sinistri abitazioni
Infortuni Sportivi
Insidie trabocchetto suolo pubblico
Sinistri su mezzi pubblici
Trattative sinistri su polizze infortuni
Studi legali convenzionati
Sinistri animali vaganti
Sinistri in agricoltura
Ricorsi per multe
Intossicazioni alimentari
Pulsante servizi
Archivio News > 30/03/2015 - Depenalizzazione reati minori e pene non carcerarie: il Dlgs in Gazzetta

I grandi giornali e i talk show televisivi non se ne sono quasi accorti, ma dal 2 aprile entrerà in vigore il decreto legislativo sulla depenalizzazione dei reati minori che rischia di allargare in modo drammatico la frattura tra lo stato e la gente comune.

Molto spesso chi subirà un furto, uno scippo, una minaccia, una truffa, una frode informatica, non avrà più nessuno

a cui rivolgersi per ottenere giustizia.

D’altro canto, il ladro, il truffatore,il bullo, lo scippatore, si rallegreranno del fatto che, anche se scoperti, non dovranno

più rispondere dei loro atti.

Nella giustizia penale entra il diritto di essere perdonati.

L’Italia, insomma, si candida a diventare il paese dei bengodi, ma per solo per i disonesti.

In altri termini, la giustizia penale rinuncia, anche formalmente, a dare risposte concrete alle istanze di sicurezza,

di giustizia, di prevenzione, che arrivano dalle fasce più esposte della popolazione,dalle periferie delle grandi città, dalle

piccole imprese.

Non che adesso chi subisce un furto o un’aggressione fisica da parte di un vicino di casa manesco vada a fare la

denuncia con la speranza che qualcuno si dia da fare per ottenergli giustizia, ma sapere che la denuncia si trasformerà

automaticamente in una sentenza di proscioglimento del reo nel caso questo venisse identificato è certamente

deprimente.

Resteranno insomma impuniti reati come truffa, violazione di domicilio, danneggiamento, raggiro,invasione di edifici, furto, frode assicurativa, intercettazione di telefonate falso in bilancio, corruzione, aggiotaggio,e la maggior parte degli ecoreati.

Ci si potrebbe chiedere che senso ha versare la metà dei propri redditi allo stato sotto forma di imposte quando questo si dichiara impotente a perseguire quei comportamenti che, anche se non finiscono nei telegiornali, turbano non poco la

vita quotidiana delle persone oneste.

Il messaggio che lo stato sta lanciando ai cittadini italiani è desolante:arrangiatevi.

Nella relazione di accompagnamento al decreto legislativo sulla depenalizzazione dei reati minori, si insiste naturalmente sulla opportunità di sostituire la tutela penale con quella civile, cioè con la possibilità per la parte offesa di ottenere il risarcimento economico del danno subito. Ma si tratta di una tutela del tutto virtuale.

Perché un processo civile ha esiti incerti e tempi e costi tali da scoraggiare la maggior parte delle vittime. Senza contare che molto spesso l’autore del reato potrebbe essere poco o nulla solvibile, quindi una eventuale condanna si trasformerebbe nell’ennesima beffa per la vittima.

In ogni caso verrà a mancare il pungolo che, spesso, la sentenza penale di condanna costituiva in ordine al risarcimento del danno fissato in sede civile (per esempio quando il patteggiamento viene subordinato al risarcimento).

L’obiettivo che certamente sarà raggiunto dalla depenalizzazione sarà lo svuotamento (temporaneo)

delle carceri.

E delle scrivanie dei magistrati, che così potranno dedicarsi a perseguire con maggior cura i reati più

gravi (o politicamente più intriganti).

Articolo tratto da www.italiaoggi.com

NEWS
20/03/2018
Strada innevata risarcisce la pubblica amministrazione ?
Questo inverno ci ha riservato non poche sorprese da un punto di vista meteorologico e se ormai il cosiddetto Burian sembra passato, il ...
18/01/2018
Guida in stato d'ebrezza: facciamo un po' di chiarezza...
Il nostro bel paese è famoso nel mondo per il buon cibo e l'eccellente qualità dei vini prodotti...tuttavia se il bere bevande alcoliche ...
27/03/2017
Risarcimento danni per cause imputabili all'Amministrazione Comunale
I danni subiti, per essere risarciti dall'Amministrazione Comunale, devono essere stati provocati da cause in cui si possa ravvedere una ...
Infortunistica Italiana Sede Legale Via Mazzini 184/c Porretta Terme (Bo) - tel 051 875823 - P.IVA e C.Fisc. 02735761203 | Powered by Hotminds Srl